Menu

Chiara Taigi

thumbnailNata a Roma, Chiara Taigi, soprano, inizia gli studi di canto con Ivenza Fogli, con la quale successivamente si diploma.
Dopo aver vinto, giovanissima, i Concorsi “Agostino Lazzari”, “Toti dal Monte”, e “Angelica Catalani”, debutta ne Il turco in Italia di Rossini al Teatro Giuseppe Verdi di Treviso, e pochi mesi dopo torna nello stesso teatro con Der Schauspieldirektor di Mozart.
Chiara Taigi ha cantato nei principali teatri italiani ed esteri:a Bologna (L’amor rende sagace di Cimarosa, The turn of the screw di Britten),Trieste (Die Zauberflöte, Fedora), Reggio Emilia, Genova e Venezia (La Bohème), Sassari, Nevers e Salon de Provence (Rigoletto) e quindi a Piacenza, Jesi, Messina, Catania, Lucca, Roma, Maggio Musicale Fiorentino (Gianni Schicchi), Savona, Spoleto, al Ravenna Festival, al San Carlo di Napoli (Il convitato di Pietra di Giacomo Tritto in prima esecuzione). Ha interpretato al Teatro dell’Opera di Roma Lucrezia Contarini ne I due Foscari accanto a Renato Bruson.
Nello stesso anno ha cantato al Teatro alla Scala in Peter Grimes (direttore Jeffrey Tate), al Ravenna Festival in Carmen, nuovamente al Teatro alla Scala in Tatjana di Azio Corghi in prima esecuzione mondiale, Il Corsaro a Lecce e Pagliacci a Bilbao. Per il Maggio Musicale Fiorentino ha interpretato il ruolo di Prothoe nella prima esecuzione italiana di Penthesilea di Otmar Schoeke.

Ha debuttato nel ruolo di Desdemona in Otello al Teatro alla Scala nella produzione diretta da Riccardo Muti con la regia di Graam Dic e in Cyrano di Marco Tutino a Metz. Nel 2002 ha debuttato nel Simon Boccanegra (Amelia) con Claudio Abbado, ha ripreso Otello agli Arcimboldi ed è stata alla Opernhaus di Zurigo per il Benvenuto Cellini di Berlioz diretta da Sir John Elliott Gardiner. Nel gennaio 2003 debutta al Teatro San Carlo di Napoli la Battaglia di Legnano ed in marzo a Lecce il Trovatore.
Nel maggio dello stesso anno al Teatro Carlo Felice interpreta il ruolo di Mimì (Bohème) ed in giugno al Teatro Comunale di Firenze la ritroviamo in Otello diretta da Zubin Mehta. A settembre 2003 ha debuttato nel ruolo principale de La Marescialla d’Ancre di Alessandro Nini in prima esecuzione moderna al Teatro Pergolesi di Jesi. Nel dicembre 2003 a Nizza e Toulon ha interpretato i Vier letze Lieder di Strauss diretta da Marco Guidarini.

L’anno 2004 la vede interprete di tre importanti debutti: a marzo è stata Maddalena di Coigny in Andrea Chénier al Teatro Politeama di Lecce; a maggio ha interpretato il ruolo di Suor Angelica, diretta da Riccardo Chailly all’Auditorium di Milano; a ottobre ha inaugurato la stagione dell’Opéra de Nice come Amelia nel Ballo in maschera di Verdi, diretta da Marco Guidarini.
Nel marzo 2005, al St. Moritz/Milano Music Festival in Svizzera, ha debuttato la Messa da Requiem di Verdi con l’Orchestra Giuseppe Verdi di Milano, diretta da Romano Gandolfi. Nel novembre 2005 il suo ritorno in Germania nel ruolo di Amelia in Un ballo in maschera; la nuova produzione (regia di Ermanno Olmi, scene e costumi di Arnaldo Pomodoro, in DVD Euroarts) ha inaugurato la stagione 2005-2006 dell’Opera di Lipsia, in occasione dell’insediamento di Riccardo Chailly come Generalmusikdirektor e Kappelmeister della Gewandhaus. Nel gennaio 2006 ha debuttato un altro importante ruolo pucciniano alla Deutsche Oper di Berlino, Giorgetta ne Il Tabarro, (con la regia della pronipote di Richard Wagner, Katharina Wagner).

Continua su:

www.chiarataigi.com